tendenze

P/E wedding 2015, ispirazioni di stile

Non badate alla data del post, oggi non è il 29 luglio, bensì il 29 Lugliembre, detto tra noi, un mese geneticamente modificato a quanto pare. Ma se davvero fosse Novembre, cosa starei facendo in questo pomeriggio uggioso?

office
ph style me pretty

Forse a quest’ora non vedrei più la luce fuori, sarei rientrata prima a casa (commissioni permettendo) ed inizierei il Tanto Lungo e Articolato lavoro, davanti al PC. Perchè, sfatando qualche mito, la wedding planner NON è colei che si lustra gli occhi tra una location e l’altra, ma è colei che effettua ricerca, chiede preventivi, contatta questi fornitori e poi esegue un sopralluogo…. e non solo location, ma tutto questo per altri 20 – 25 tipi di fornitori, che spesso un matrimonio potrebbe richiedere (nozioni che ogni tanto ci tengo a rimarcare, non si dice mai abbastanza sul vero lavoro di una wedding planner).

Quindi dicevamo, mi accomoderei alla scrivania, tra uno schiamazzo e l’altro (dei miei bimbi) ed inizierei a lavorare scrivere e rispondere alle mail, preparare preventivi e magari dare un occhio e alle nuove tendenze Wedding 2015, un pò di sano “ozio lavorativo”. Quello che sarà certo e a Novembre già più che confermato, è il nuovo colore Pantone  (azzardiamo un azzurro acqua o carta da zucchero?); mentre e la tendenza di stile per il nuovo anno? qui lancio un tris: boho, garden e “dea” style.

se vi va di farvi un’idea sullo stile boho e non solo, guardate la nuova collezione Yolan Cris

Due parole le dedico al matrimonio garden, un connubio perfetto tra eleganza e romanticismo, uno stile dalle mille ispirazioni, di sicuro alla luce del sole, ma anche il piano B può essere un’ambientazione surreale, come? ve lo svelo nel prossimo post

garden style
ph weddingchic
organic wedding
ph ruffled

 

infine, il “nuovo” da me nominato dea style, di ispirazione antica, di amore per un corpo femminile e per le antiche tradizioni e credenze, suggestivo se curato nei dettagli.

Ruffled - photo by http://debbielourensphotography.com/ - http://ruffledblog.com/nile-inspired-wedding-ideas/
ph ruffled

 

Ruffled - photo by http://debbielourensphotography.com/ - http://ruffledblog.com/nile-inspired-wedding-ideas/
ph ruffled
organic nile style
ph ruffled

 

Tre stili, uno più bello dell’altro e che spero di poter “arredare” ad uno dei miei prossimi matrimoni, che a Novembre inizieranno ad essere nero su bianco pensando alla primavera.

Arredare: dal gergo Miss, significa capire, intuire, coordinare le scelte, pianificare un progetto, costruire il progetto insieme alle collaborazioni giuste, semplificare ed  illuminare ogni angolo buio. Non compro complementi d’arredo

Non sto cercando di indovinare, ma sono spunti di riflessione che cerco sempre di pormi, la stylist che è in me deve sempre essere aggiornata e poter, magari riuscendoci pure, consigliare le tendenze o anticiparle.  Per fare questo seguo (da fan accanita) artisti, designer e stilisti, cercando di intuire i loro punti forza e l’elemento su cui si sono maggiormente ispirati, non solo, ho accanto a me uno staff di professionisti con i quali mi confronto e cerco di trovare nuove idee, il supporto collettivo tra competenze diverse è ciò che fa nascere un progetto.

Beh, ecco uno spunto per voi, sposine 2015, approfittatene e non ve ne pentirete.

Tornando a noi, sempre nel mese di Novembre inizieranno gli eventi pre-natalizi (a proposito di Natale, io il 30 avrò già fatto l’albero, da tradizione ormai più che decennale, il 25 non ci sono per nessuno, tranne che per un matrimonio, ci mancherebbe (se volete monto e disfo anche per voi) inoltre saranno giornate di apertura, gli open-day nelle ville, oppure le fiere sposi dedicate alle proposte dei vari fornitori sul vostro territorio, infine le cene di gala, un buon modo per testare anche la cucina e le proposte menù. Magari potrei organizzare qualcosa anch’io, ma questo è un progetto in cantiere, di cui vi parlerò più avanti.

Non prendetemi per pazza, so benissimo che siamo a Luglio, ma ingannare il tempo ogni tanto fa bene, aiuta a visualizzare i propri progetti, anticipare alcuni passi importanti, un ritorno al futuro quotidiano, utilissimo nel mio lavoro ed utile a voi per poter prevedere, almeno in parte, i vostri piani, poi se ritenete di avere bisogno di una mano, sono qui per quello.

Detto ciò sono le 19, fuori ora c’è ancora il sole che fa capolino tra le nubi, mi aspetto un Agosto caldo e afoso, un pò di meritato riposo e poi si riparte, dal prossimo step, quello della programmazione, salvo qualche servizio last minute per Settembre.

Fatto e finito il mio timing da qui a Novembre, mi auguro di ripassare da casa, almeno per disfare le valigie, e scambiare due chiacchiere, sempre nel mio loft e con l’aria condizionata accesa.

Buone vacanze a tutti voi

A presto

Elisa

 

 

Spose sull’orlo di una crisi di nervi. #missweddingrubrica

sposa arrabbiata 2

Da oggi inauguro la nuova rubrica per le spose che hanno a che fare con l’ansia, o meglio per quelle che non se ne rendono conto. Perché dico così? Beh, perché ci sono passata, perché il mio matrimonio è stato organizzato in 4 mesi e perché seppur sorretta dalla mia passione, ero entrata nel vortice tanto meraviglioso, ma altrettanto snervante, dell’organizzazione del matrimonio; io stessa devo ringraziare l’unghia rotta del mio anulare sinistro, la sera precedente all’evento, per avermi fatto esplodere in un pianto liberatorio in cui è scesa adrenalina e gli ultimi grammi accumulati (come è andata a finire ve lo racconterò, magari in un altro post dedicato)

Mi piace scandire le fasi dell’organizzazione con tre tipiche frasi di una sposa: i primi mesi sono quelli dell’annuncio ai parenti e agli amici, dei Save the Date e delle collezioni di riviste; un periodo in cui viviamo volando liberamente ad un metro d’altezza, i nostri occhi cambiano forma assumendo quella di cuoricini, esclamando continuamente (per la gioia di chi ti circonda) “non vedo l’ora che arrivi il nostro grande giorno”.

Successivamente arriva la fase decisionale, in cui il tuo cervello viene assalito da una quantità enorme di idee, dubbi e passi da fare, i vostri week end sul lago vengono improvvisamente sostituiti da visite alle location, colloqui coi fornitori, chilometri e chilometri passati in auto da un appuntamento all’altro, cercando aiuto e sostegno dal vostro futuro marito, che puntualmente risponderà: “quello che vuoi tu a me andrà benissimo tesoro”. (questo parola tesoro, avrà molti significati che comprenderete molto presto). E’ questo il periodo dove vi ritroverete a pensare spesso (a volte nelle vostre notti insonni, altre volte anche urlando): “non vedo l’ora che tutto finisca!”. Forse in tutto questo ti sentirai agitata, nervosa e come una pallina in un flipper, ti appoggerai alla mamma poi all’amica, quasi mai alla suocera, fino a ritrovarti da sola con le tue scelte. Tutto assolutamente normale, mia cara.

La terza frase, la più nostalgica e allo stesso tempo, la più significativa, è quella che si pronuncia il giorno dopo, quando tutto è passato, quando si tirano le somme, quando guardi il tuo abito appeso all’armadio ed esclami: “ il tempo è volato troppo in fretta”.

Questa piccola e veloce analisi ( e scusate a volte la mia formazione scientifica mi porta a ricadere in intense riflessioni sullo stato d’animo e la salute) per farvi capire che in tutto questo periodo, in cui siete assorbiti dai piaceri e dalle difficoltà che l’organizzazione comporta, non vi siete fermati a pensare e a dire una sola frase, quella che avrebbe dovuto sostituire le altre: “ perché non siamo riusciti a goderci in pieno questo periodo, lasciandoci travolgere dalle aspettative e dall’impegno richiesto?

La risposta è solo una, “perchè non avete pensato abbastanza a voi stessi”

Non è colpa di nessuno, non fraintendetemi, la mia intenzione non è quella di terrorizzarvi, ma solo quella di farvi riflettere. Semplicemente, il  Tempo in cui viviamo, non ci permette di potere fare tutto, scorre veloce e troppo intensamente per lasciarci spazio. Le nostre giornate sono normalmente “all inclusive”, di lavoro, famiglia, amici, impegni vari, per molte di voi anche i figli, per cui è normale che l’organizzazione del vostro matrimonio, si inserisca come mole ingente di ore extra, accompagnate da una buona dose di stress.

Vi riporto un dato che ha attirato la mia attenzione e che mi ha portato ad iniziare questa rubrica:

Il matrimonio è uno stress scientificamente ammesso e collocato addirittura a livello 50 nell’autorevolissima Scala dello stress (da 0 a 100) di Holmes e Rahe, gli psichiatri inglesi che studiarono l’incidenza di un evento stressante sulla vita delle persone. Sposarsi stressa perfino più di una gravidanza.

Da sposa e da Bis mamma non posso che essere d’accordo con questa affermazione, ma aldilà delle statistiche, credo davvero che lo stress e il matrimonio non debbano avere nulla in comune, lo stress non deve impossessarsi del tuo tempo, certo in un discorso simile il mio lavoro si inserisce a puntino, d’altra parte io offro tempo e non mi stancherò mai di ripeterlo (il mio slogan? Mmmh, può darsi). Spesso insisto su questo tasto e vi chiedo quanto valore date a momenti così intensi e carichi di emozioni che non si ripeteranno più. Il valore è riuscire a goderseli. Una soluzione c’è sempre.

 

Esercizio-time: Pensa al tuo matrimonio, trova il modo per godertelo.

wedding-planner

Spero che questa nuova rubrica vi piaccia, ho cercato un modo per parlare con voi qui nel mio loft, che non vuole essere solo un salotto di stili, ma un incontro tra amiche sorseggiando un buon caffè, ho anche la camomilla se preferite.

Aspetto i vostri commenti qui sul blog o sulla mia pagina facebook, QUI.

A presto

Elisa

La moda passa, lo stile resta

Un nuovo post, ma lo stesso stile. Da qualche settimana vedete scorrere sul mio blog immagini relative all’epoca ruggente degl’anni ’20 che troverete protagonisti di questa pagina ancora per un pò. Se mi venisse chiesto a quale fonte d’ispirazione attingere, per trarre gli spunti migliori del proprio matrimonio, beh risponderei senza pensarci molto: la Moda domina indiscutibilmente molte scelte stilistiche per cui la ricerca parte da qui, dalla creazione dell’immagine della sposa. Il titolo a questo post è una frase della stilista che più amo, Coco Chanel, icona di tempi e cambiamenti importanti per la figura femminile.

Coco Chanel
Coco Chanel

Una frase carica di significato, che reincarna l’impronta del suo essere stilista, un lavoro proiettato nell’intuizione e una passione, quella per  il “bello”, che ancora oggi la rende unica nel suo genere. Una donna, imprenditrice dell’epoca, con la grande capacità di vedere il potere nascosto di un colore, di un motivo, di un tessuto e il coraggio di ostentarlo.

modapourfemme.it
foto modapourfemme

Parlando di Art dèco e Anni ’20 tra moda e stilisti dell’epoca, chi meglio di Coco Chanel ha interpretato il concetto di “vestir donna”? Disegnava ciò che era impensabile per quegl’anni, i pantaloni femminili ne sono un esempio, realizzando pezzi intramontabili come i suoi tailleurs, dalla forma ai tessuti. La sua predilezione per i “non colori”; famosa è la sua concezione del nero, un colore che racchiudeva tutti gli altri. Sempre nell’intento di celebrare la bellezza e il femminismo, Coco venne spesso giudicata scandalosa, ma questo non fermò il suo porgredire contro il sistema, imponendo così una nuova vestibilità, quella degl’abiti maschili. Un paradosso agl’abiti della Belle èpoque, in cui la donna era costretta a bustini e lunghezze poco pratiche, che venivano in questo modo superati.  Sono proprio gli stilisti come Coco, chi come lei ha saputo osare, quelli che hanno ideato mode immortali e che ancora oggi dettano leggi di stile.

tipiche-cloche-anni-20
foto modapuorfemme

Sono stati i tempi dei nuovi tessuti come il jersey, delle gonne che si accorciano, delle nuove linee più semplici a dare libertà ai movimenti, dei dettagli preziosi come perline e frange. L’apoteosi della sensualità femminile, un corpo che si poteva scoprire e un viso che si poteva valorizzare con l’utilizzo dei primi cosmetici, mascara e labbra rosso fuoco, le tendenze per il make up. A valorizzare il trucco, l’acconciatura, i capelli vengono tagliati corti e portati a caschetto sotto le tipiche Cloche, i cappellini a campana che coprivano la fronte facendo risaltare occhi in perfetto stile smookey.

collana-flapper[1]

trucco

La creazione dell’immagine non può trascurare viso e acconciatura, ma cosa meglio di un abito, può trasmettere lo stile di questo periodo? Quindi perchè possiate iniziare ad immedesimarvi ascoltate questo pezzo e godetevi le prossime immagini, tutto vi sembrerà perfetto. (ora clicca su “questo pezzo” e ritorna qui a leggere)

Claire Pattibone
claire pattibone
foto weddingclick
st patrick
st patrick

 

foto weddingclick
yolan cris
yolan cris

L’abito per una sposa anni ’20?  Direi abiti da sera bridal version. Il proibizionismo americano di quegl’anni ha influenzato molto la moda in generale, ma soprattutto stilisti come Yolan Cris, Janny Pachkman, Rosa Clarà, Pronovias hanno interpretato la sensualità disegnando abiti perfetti. Se sognavate il matrimonio principesco con tulle e strascico di 7 metri, allora lasciate perdere questo stile, perchè è esattamente l’opposto. I tessuti sono impalpabili, leggeri ed impreziositi da perline, pizzo e ricami, per le più audaci anche piccolissime piume, alla faccia delle più antiche tradizioni e scaramanzie, ma questo è un capitolo che vi illustrerò in un altro post.

IMG_8627
pronovias
yolan cris
pronovias
pronovias

Avere idee molto chiare sul vostro stile è fondamentale per la scelta degl’accessori, il velo e i gioielli non vanno scelti a caso, nè tantomeno sottovalutati. Il vostro viso si completa con essi, questa immagine ne è l’esempio. Il velo, importante, è dettaglio e gioiello nello stesso momento, non serve altro, siete d’accordo con me?

dettaglio vela da Sposa Angela Morea
dettaglio velo da sposa eseguito da Angela Morea, realizzato  per lo Shooting “les année folles”

 

rosa clarà
rosa clarà
foto pinterest
foto pinterest

 

yolan cris
yolan cris
copricapovintage
foto confesionesdeunaboda.blogspot.com
foto da confesionesdeunaboda.blogspot.com
foto da confesionesdeunaboda.blogspot.com
alfred angelo
alfred angelo

L’ultima collezione di Rosa Clarà ve la posto tutta, è difficile scegliere quale sia il più bello. rosa clarà 1 rosa clarà 2

rosa clarà

rosa clarà 4 rosa clarà 5   Una breve cornice sui i tratti dominanti dell’epoca ai quali una sposa può ispirarsi per creare la propria immagine, ora sta a voi creare il quadro perfetto, armonizzando i colori e facendo attenzione alle sbavature, ma il vero segreto è osare con gusto! (Coco Chanel) Oggi ho voluto parlarvi degl’abiti, perchè so che è il primo pensiero di una sposa, il sogno da realizzare. Non i soliti abiti, per intenderci quelli che trovate nelle prime pagine delle riviste, ma proposte più ricercate, più sofisticate, dietro alle quali esiste un’ispirazione datata 1920, esistono icone di stile, esiste il saper essere contro tendenza. Potete scegliere di indossarli perchè perfetti sul vostro corpo o potete scegliere di reinterpretare uno stile e studiarlo nei particolari inserendoli come cornice al vostro evento.  Il mio consiglio sarà sempre quello di non lasciarvi guidare da ” quello che fanno tutti”, create qualcosa di vostro. Lo stesso vale per l’abito, cercate il vostro stile, non l’abito di tendenza. La moda passa, ma lo stile resta! resterà a voi il ricordo di ciò che siete e agl’altri la vostra immagine, una sposa unica. A voi la scelta e soprattutto divertitevi! A presto

Elisa

1 2