sposa

Wedding planner, organizzazione matrimoni, organizzazione eventi, wedding planner cos’è e come diventare wedding planner. Il tuo evento chiavi in mano e praticamente Perfetto!enzo wedding planner – real time – enzo miccio – wedding planner real time – the wedding planner – wedding planner – agenzie wedding planner – organizzare matrimoni – matrimonio – bouquet da sposa – sala ricevimento – sala per matrimonio – sale per matrimonio – sale per matrimoni – fiori – abiti da sposa – vestito da sposa – vestito da sposo – bomboniere – fotografo per matrimonio – foto per matrimonio – wedding planner roma – wedding planner milano – wedding planner venezia – wedding planner modena – wedding planner bergamo – wedding planner verona – wedding planner mantova – wedding planner verona – wedding planner bergamo – wedding planner parma – wedding planner desenzano del garda – wedding planner parma – wedding planner veneto – wedding planner lombardia – wedding planner emilia romagna, wedding planner brescia, wedding planner
toscana, wedding planner verona, wedding planner Piemonte, wedding planner desenzano del garda, wedding planner vercelli, wedding planner novara, wedding planner siena, wedding planner bologna

Wedding planner a Mantova, parma, brescia, verona. Specializzati in organizzazione matrimoni che sono più di un evento, sono la realizzazione di un sogno che diventa realtà. La perfezione è nel particolare e noi siamo in grado di darvi questo servizio: affidati a noi! Chiamaci e tutto andrà liscio miss wedding design

allestimento matrimonio Mantova parma verona brescia desenzano del garda associazione italiana wedding angels presidente provincia di Mantova bomboniere cake design catering per matrimoni Mantova parma verona brescia desenzano del garda chi paga il matrimonio corso wedding planner decorazioni floreali dove celebrare un matrimonio florist per matrimonio Mantova parma verona brescia desenzano del garda galateo del matrimonio idee bomboniere idee cadeaux de mariage idee per cerimonia idee per un matrimonio parma libri location matrimonio Mantova parma verona brescia location per cerimonie Mantova parma verona brescia location per matrimoni Mantova parma verona brescia marina ripa di meana menù di nozze Mantova parma verona brescia mondadori ordine ingresso in chiesa per matrimonio organizzazione matrimoni facebook missweddingdesign pinterest missweddingdesign twitter missweddingdesign wedding planner verona Mantova ristorante e sale per matrimoni ristoranti per matrimoni Mantova parma sale ricevimento Mantova
parma verona brescia wedding cake Wedding Planner Wedding Planner verona Wedding Planner brescia Wedding Planner parma Wedding Planner Mantova wedding planner Mantova parma verona brescia wedding planner desenzano del garda

Spose sull’orlo di una crisi di nervi. #missweddingrubrica

sposa arrabbiata 2

Da oggi inauguro la nuova rubrica per le spose che hanno a che fare con l’ansia, o meglio per quelle che non se ne rendono conto. Perché dico così? Beh, perché ci sono passata, perché il mio matrimonio è stato organizzato in 4 mesi e perché seppur sorretta dalla mia passione, ero entrata nel vortice tanto meraviglioso, ma altrettanto snervante, dell’organizzazione del matrimonio; io stessa devo ringraziare l’unghia rotta del mio anulare sinistro, la sera precedente all’evento, per avermi fatto esplodere in un pianto liberatorio in cui è scesa adrenalina e gli ultimi grammi accumulati (come è andata a finire ve lo racconterò, magari in un altro post dedicato)

Mi piace scandire le fasi dell’organizzazione con tre tipiche frasi di una sposa: i primi mesi sono quelli dell’annuncio ai parenti e agli amici, dei Save the Date e delle collezioni di riviste; un periodo in cui viviamo volando liberamente ad un metro d’altezza, i nostri occhi cambiano forma assumendo quella di cuoricini, esclamando continuamente (per la gioia di chi ti circonda) “non vedo l’ora che arrivi il nostro grande giorno”.

Successivamente arriva la fase decisionale, in cui il tuo cervello viene assalito da una quantità enorme di idee, dubbi e passi da fare, i vostri week end sul lago vengono improvvisamente sostituiti da visite alle location, colloqui coi fornitori, chilometri e chilometri passati in auto da un appuntamento all’altro, cercando aiuto e sostegno dal vostro futuro marito, che puntualmente risponderà: “quello che vuoi tu a me andrà benissimo tesoro”. (questo parola tesoro, avrà molti significati che comprenderete molto presto). E’ questo il periodo dove vi ritroverete a pensare spesso (a volte nelle vostre notti insonni, altre volte anche urlando): “non vedo l’ora che tutto finisca!”. Forse in tutto questo ti sentirai agitata, nervosa e come una pallina in un flipper, ti appoggerai alla mamma poi all’amica, quasi mai alla suocera, fino a ritrovarti da sola con le tue scelte. Tutto assolutamente normale, mia cara.

La terza frase, la più nostalgica e allo stesso tempo, la più significativa, è quella che si pronuncia il giorno dopo, quando tutto è passato, quando si tirano le somme, quando guardi il tuo abito appeso all’armadio ed esclami: “ il tempo è volato troppo in fretta”.

Questa piccola e veloce analisi ( e scusate a volte la mia formazione scientifica mi porta a ricadere in intense riflessioni sullo stato d’animo e la salute) per farvi capire che in tutto questo periodo, in cui siete assorbiti dai piaceri e dalle difficoltà che l’organizzazione comporta, non vi siete fermati a pensare e a dire una sola frase, quella che avrebbe dovuto sostituire le altre: “ perché non siamo riusciti a goderci in pieno questo periodo, lasciandoci travolgere dalle aspettative e dall’impegno richiesto?

La risposta è solo una, “perchè non avete pensato abbastanza a voi stessi”

Non è colpa di nessuno, non fraintendetemi, la mia intenzione non è quella di terrorizzarvi, ma solo quella di farvi riflettere. Semplicemente, il  Tempo in cui viviamo, non ci permette di potere fare tutto, scorre veloce e troppo intensamente per lasciarci spazio. Le nostre giornate sono normalmente “all inclusive”, di lavoro, famiglia, amici, impegni vari, per molte di voi anche i figli, per cui è normale che l’organizzazione del vostro matrimonio, si inserisca come mole ingente di ore extra, accompagnate da una buona dose di stress.

Vi riporto un dato che ha attirato la mia attenzione e che mi ha portato ad iniziare questa rubrica:

Il matrimonio è uno stress scientificamente ammesso e collocato addirittura a livello 50 nell’autorevolissima Scala dello stress (da 0 a 100) di Holmes e Rahe, gli psichiatri inglesi che studiarono l’incidenza di un evento stressante sulla vita delle persone. Sposarsi stressa perfino più di una gravidanza.

Da sposa e da Bis mamma non posso che essere d’accordo con questa affermazione, ma aldilà delle statistiche, credo davvero che lo stress e il matrimonio non debbano avere nulla in comune, lo stress non deve impossessarsi del tuo tempo, certo in un discorso simile il mio lavoro si inserisce a puntino, d’altra parte io offro tempo e non mi stancherò mai di ripeterlo (il mio slogan? Mmmh, può darsi). Spesso insisto su questo tasto e vi chiedo quanto valore date a momenti così intensi e carichi di emozioni che non si ripeteranno più. Il valore è riuscire a goderseli. Una soluzione c’è sempre.

 

Esercizio-time: Pensa al tuo matrimonio, trova il modo per godertelo.

wedding-planner

Spero che questa nuova rubrica vi piaccia, ho cercato un modo per parlare con voi qui nel mio loft, che non vuole essere solo un salotto di stili, ma un incontro tra amiche sorseggiando un buon caffè, ho anche la camomilla se preferite.

Aspetto i vostri commenti qui sul blog o sulla mia pagina facebook, QUI.

A presto

Elisa

La moda passa, lo stile resta

Un nuovo post, ma lo stesso stile. Da qualche settimana vedete scorrere sul mio blog immagini relative all’epoca ruggente degl’anni ’20 che troverete protagonisti di questa pagina ancora per un pò. Se mi venisse chiesto a quale fonte d’ispirazione attingere, per trarre gli spunti migliori del proprio matrimonio, beh risponderei senza pensarci molto: la Moda domina indiscutibilmente molte scelte stilistiche per cui la ricerca parte da qui, dalla creazione dell’immagine della sposa. Il titolo a questo post è una frase della stilista che più amo, Coco Chanel, icona di tempi e cambiamenti importanti per la figura femminile.

Coco Chanel
Coco Chanel

Una frase carica di significato, che reincarna l’impronta del suo essere stilista, un lavoro proiettato nell’intuizione e una passione, quella per  il “bello”, che ancora oggi la rende unica nel suo genere. Una donna, imprenditrice dell’epoca, con la grande capacità di vedere il potere nascosto di un colore, di un motivo, di un tessuto e il coraggio di ostentarlo.

modapourfemme.it
foto modapourfemme

Parlando di Art dèco e Anni ’20 tra moda e stilisti dell’epoca, chi meglio di Coco Chanel ha interpretato il concetto di “vestir donna”? Disegnava ciò che era impensabile per quegl’anni, i pantaloni femminili ne sono un esempio, realizzando pezzi intramontabili come i suoi tailleurs, dalla forma ai tessuti. La sua predilezione per i “non colori”; famosa è la sua concezione del nero, un colore che racchiudeva tutti gli altri. Sempre nell’intento di celebrare la bellezza e il femminismo, Coco venne spesso giudicata scandalosa, ma questo non fermò il suo porgredire contro il sistema, imponendo così una nuova vestibilità, quella degl’abiti maschili. Un paradosso agl’abiti della Belle èpoque, in cui la donna era costretta a bustini e lunghezze poco pratiche, che venivano in questo modo superati.  Sono proprio gli stilisti come Coco, chi come lei ha saputo osare, quelli che hanno ideato mode immortali e che ancora oggi dettano leggi di stile.

tipiche-cloche-anni-20
foto modapuorfemme

Sono stati i tempi dei nuovi tessuti come il jersey, delle gonne che si accorciano, delle nuove linee più semplici a dare libertà ai movimenti, dei dettagli preziosi come perline e frange. L’apoteosi della sensualità femminile, un corpo che si poteva scoprire e un viso che si poteva valorizzare con l’utilizzo dei primi cosmetici, mascara e labbra rosso fuoco, le tendenze per il make up. A valorizzare il trucco, l’acconciatura, i capelli vengono tagliati corti e portati a caschetto sotto le tipiche Cloche, i cappellini a campana che coprivano la fronte facendo risaltare occhi in perfetto stile smookey.

collana-flapper[1]

trucco

La creazione dell’immagine non può trascurare viso e acconciatura, ma cosa meglio di un abito, può trasmettere lo stile di questo periodo? Quindi perchè possiate iniziare ad immedesimarvi ascoltate questo pezzo e godetevi le prossime immagini, tutto vi sembrerà perfetto. (ora clicca su “questo pezzo” e ritorna qui a leggere)

Claire Pattibone
claire pattibone
foto weddingclick
st patrick
st patrick

 

foto weddingclick
yolan cris
yolan cris

L’abito per una sposa anni ’20?  Direi abiti da sera bridal version. Il proibizionismo americano di quegl’anni ha influenzato molto la moda in generale, ma soprattutto stilisti come Yolan Cris, Janny Pachkman, Rosa Clarà, Pronovias hanno interpretato la sensualità disegnando abiti perfetti. Se sognavate il matrimonio principesco con tulle e strascico di 7 metri, allora lasciate perdere questo stile, perchè è esattamente l’opposto. I tessuti sono impalpabili, leggeri ed impreziositi da perline, pizzo e ricami, per le più audaci anche piccolissime piume, alla faccia delle più antiche tradizioni e scaramanzie, ma questo è un capitolo che vi illustrerò in un altro post.

IMG_8627
pronovias
yolan cris
pronovias
pronovias

Avere idee molto chiare sul vostro stile è fondamentale per la scelta degl’accessori, il velo e i gioielli non vanno scelti a caso, nè tantomeno sottovalutati. Il vostro viso si completa con essi, questa immagine ne è l’esempio. Il velo, importante, è dettaglio e gioiello nello stesso momento, non serve altro, siete d’accordo con me?

dettaglio vela da Sposa Angela Morea
dettaglio velo da sposa eseguito da Angela Morea, realizzato  per lo Shooting “les année folles”

 

rosa clarà
rosa clarà
foto pinterest
foto pinterest

 

yolan cris
yolan cris
copricapovintage
foto confesionesdeunaboda.blogspot.com
foto da confesionesdeunaboda.blogspot.com
foto da confesionesdeunaboda.blogspot.com
alfred angelo
alfred angelo

L’ultima collezione di Rosa Clarà ve la posto tutta, è difficile scegliere quale sia il più bello. rosa clarà 1 rosa clarà 2

rosa clarà

rosa clarà 4 rosa clarà 5   Una breve cornice sui i tratti dominanti dell’epoca ai quali una sposa può ispirarsi per creare la propria immagine, ora sta a voi creare il quadro perfetto, armonizzando i colori e facendo attenzione alle sbavature, ma il vero segreto è osare con gusto! (Coco Chanel) Oggi ho voluto parlarvi degl’abiti, perchè so che è il primo pensiero di una sposa, il sogno da realizzare. Non i soliti abiti, per intenderci quelli che trovate nelle prime pagine delle riviste, ma proposte più ricercate, più sofisticate, dietro alle quali esiste un’ispirazione datata 1920, esistono icone di stile, esiste il saper essere contro tendenza. Potete scegliere di indossarli perchè perfetti sul vostro corpo o potete scegliere di reinterpretare uno stile e studiarlo nei particolari inserendoli come cornice al vostro evento.  Il mio consiglio sarà sempre quello di non lasciarvi guidare da ” quello che fanno tutti”, create qualcosa di vostro. Lo stesso vale per l’abito, cercate il vostro stile, non l’abito di tendenza. La moda passa, ma lo stile resta! resterà a voi il ricordo di ciò che siete e agl’altri la vostra immagine, una sposa unica. A voi la scelta e soprattutto divertitevi! A presto

Elisa

Styled Shoot vincente, il segreto? Un concept da urlo

Sono passati ormai diversi giorni dalla pubblicazione ufficiale, un successo lo shooting in stile anni ‘ 20 (nel caso ve lo siate persi lo trovate qui) e ed è davvero entusiasmante raccogliere consensi continui, soprattutto dalla pagina Facebook di missweddingdesign.

20-WeddingShooting-anni20
ph Elena Preti

Innanzi  tutto una premessa doverosa: la partenza di questo progetto la devo ad un meraviglioso gruppo di formazione, del quale faccio parte con molto orgoglio, il gruppo di Magnolia wedding planner, colleghe e professionisti del settore con una visione del proprio lavoro basata sulla collaborazione ed il confronto, dove la competizione ha un sapore diverso, dove la concorrenza ha assunto una veste davvero diversa e dove si cresce e si è aperti al cambiamento. 

 E’ nata al suo interno la collaborazione con Angela e Silvia di Sweetness Eventi, che si sono occupate dell’allestimento ed Elisa di Youco che ha studiato tutta la progettazione grafica, ragazze speciali con le quali condivido questa grande soddisfazione.

puzle 2Oggi vorrei parlarvi di tutti quegl’ingredienti indispensabili per realizzare uno Styled Shoot vincente.

Forse vi sareste chiesti cos’è uno Styled Shoot?Descritto molto semplicemente, si tratta di un servizio fotografico realizzato in un set allestito per l’occasione, sulla base di un concept studiato in ogni dettaglio. Per gli addetti ai lavori un modo di esprimere la propria creatività, mettendosi in gioco, proponendo idee nuove e costruendo ogni singolo tassello. Per quanto mi riguarda, uno strumento di marketing efficace: ho avuto modo di creare soddisfacenti e produttive collaborazioni, selezionando qualità esperienza, ma soprattutto nuovi volti, approfittando dell’occasione per vedere all’opera le persone che si prenderanno carico delle tue esigenze. Per voi spose una “rivista da cliccare” trarre spunti creativi o d’immagine, avere a disposizione una selezione di professionisti di zona e, credetemi, non è poco per iniziare a valutare le vostre scelte.

Mi piace l’idea di elencarvi una lista di ingredienti, indispensabili per uno shooting, ma allo stesso tempo, informazioni utili nell’organizzazione di un matrimonio perfetto, tradizionale o non convenzionale.

Ingrediente base

 Un’idea vincente, scelta sulla base di un’attenta analisi del mercato e delle tendenze proiettate nel futuro. È un po’ come essere stilista anticipando la moda con un capo esclusivo, l’esclusività è data solo dall’interpretazione personale.Così ho studiato personalmente il concept, la tendenza del momento completamente stravolta dalla personalizzazione; cambiando la palette cromatica, esaltando tessuti, imponendo uno scenario dal tono più sofisticato.

Collaborazione

Il secondo passo indispensabile è la selezione di professionisti con i quali si riesca ad instaurare un rapporto di estrema fiducia e con i quali si studia il dettaglio che meglio possa inserirsi al contesto. La ricerca degl’abiti giusti, i tessuti e i materiali dell’allestimento, il fil rouge di una sweet table disegnata nelle tonalità e nei particolari, lo studio di un’immagine da ricreare, proposta dopo uno studio approfondito del contesto in cui inserirla. Ogni singolo lavoro si amalgama in un’unica parola, atmosfera. Tutto ciò si realizza facilmente selezionando le persone giuste con le quali si instaura un rapporto di condivisione per lo stesso obietto e, sottolineo, lasciando spazio alle nuove proposte e a professionisti emergenti.

Organizzazione e condivisione del progetto

Abbiamo parlato di idea vincente, di anticipazioni, di creatività richiesta ad ogni fornitore, ma una cosa è essenziale per ottenere un buon risultato: coordinare le idee e deciderne l’impaginazione giusta. Spesso ci si sofferma ad osservare il dettaglio e a giudicarlo fine a se stesso. Il segreto per suscitare emozione è la sua cornice. Un abito o un particolare allestimento,assumono una luce diversa se inseriti nel luogo adatto, tutto deve essere perfettamente assemblato come un collage di immagini.

Queste sono solo le fasi principali, sicuramente offrono molto materiale da cui prendere spunto, ma ho ancora molto da svelare e lo troverete nei prossimi post del blog.

Quando a Giugno ho iniziato a pensare alla realizzazione di questa idea, mi è venuta in mente una frase che dissi qualche anno fa: -“ vorrei che tutto sia perfetto”.

puzle 1

Non vi dicono niente queste parole? Bè credo di si, in fondo state realizzando il vostro matrimonio.

A presto

Elisa